.
Annunci online

appunti su quanto mi gira attorno
POLITICA
1 luglio 2009
Nel PD qualcosa sta cambiando
Lo scorso febbraio Matteo Renzi si candidò con la disapprovazione della dirigenza del PD e vinse le primarie sbaragliando i candidati di Veltroni, Turco, D'Alema e Bersani. Oggi è sindaco di Firenze.

Un mese dopo, all'assemblea dei circoli del PD, una sconosciuta Debora Serracchiani, consigliere provinciale di Udine, senza alcun timore reverenziale ha messo i suoi dirigenti davanti agli errori compiuti.
Ha chiesto, anzi preteso, trasparenza e democrazia, e nello stesso tempo è andata al cuore dei tanti problemi che assillano il Pd: dalle indecisioni sul testamento biologico alla ricerca sfrenata di visibilità mediatica, dalla linea politica ondivaga, al rapporto col partito di Di Pietro, per arrivare poi al passaggio centrale e più applaudito: “La verità è che in questi pochi mesi di vita del Partito Democratico ho avuto la netta impressione che l’appartenenza al nuovo partito fosse sentita molto di più dalla base che dai dirigenti”.

Oggi Debora Serracchiani in un intervista a Repubblica a proposito delle candidature alla segreteria del PD dichiara che sosterrà Dario Franceschini "Perché è il più simpatico, [...] l'ho conosciuto in campagna elettorale e come segretario è stato bravo, innovativo, coraggioso". E su Bersani:  "Rappresenta l'apparato. In tutto, linguaggio compreso. Parlano ancora di piattaforma programmatica, un'espressione che proprio non si può più sentire. Non mi sono piaciuti i modi della sua candidatura. Da un anno è un candidato a prescindere, come direbbe Totò. A prescindere dall'avversario, dal segretario in carica, dal risultato elettorale, da tutto. [...] Di qua c'è il progetto del Pd, dall'altra parte c'è D'Alema. Io sto col Pd".

"Perché è il più simpatico". Ecco, da questa piccola frase gli "uomini dell'apparato" del PD hanno trovato linfa per attaccare la neo europarlamentare. Pollastrini, Zingaretti, Follini, Carloni, Chiaromonte, Carra e Marrazzo - "Ha detto una cazzata! Ecco, attacchiamola su questo!", immagino il tam tam di telefonate fra di loro.
Ma questi uomini non hanno ancora capito che all'interno del PD c'è qualcosa di davvero grosso in atto, e che sottolineare una piccola frase - probabilmente fuori luogo - non basterà a fermarla.
calcio
1 luglio 2009
Gente di cui esser fieri
Dopo le sue dichiarazioni omofobe, quelle omertose sul film Gomorra; dopo la sua difesa ad oltranza verso Moggi e non una parola sulle trasfusioni di sangue e gli steroidi che il dottor Agricola gli somministrava. Sugli arbitraggi corrotti e il doping che l’hanno aiutato a diventare pallone d’oro.
Il calciatore Fabio Cannavaro viene oggi premiato come "napoletano eccellente”.

Ma non s'è ancora capito se è una cosa di cui vantarsi o meno.

Viva l'itaglia.
23 luglio 2004

Continua il Taormina-Show

Non se ne può proprio più. Due anni e mezzo di istruttoria, polemiche, interviste, maurizicostanzoshow, portaaportarealityshow, foto sui giornali, chiacchiere, promesse, minacce, poliziotti privati, periti italiani e stranieri e sempre lui, l'avvocato Taormina al centro del proscenio.

Lui a pontificare, a ingiuriare i giudici, a fare sfoggio di sapere. Poi l'errore di chiedere il rito abbreviato e neanche dopo un doveroso silenzio. Macché. Taormina continua a imperversare straparlando sul delitto di Cogne. Fino a quando dovremo sentirlo strologare in tutte le TV del regno?




permalink | inviato da il 23/7/2004 alle 13:5 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa
22 giugno 2004

Poveri calciatori italiani, meno male che c'è la Fallaci!

Poveri ragazzoni nostri, fratelli dell'Italia calcistica. I giornalisti non li lasciano stare, gli arbitri non li lasciano sputare, gli avversari non li lasciano segnare. Li hanno tutti contro e cosa possono fare, se non sfogarsi un po', insultare i giornalisti, dire "con voi non parlo più", come i bambini?

Povero Totti, povero Vieri, povero anche Buffon che si crede perfetto e invece anche lui, oltre a grandi parate, fa le sue umane cappellate. Ma nessuno li capisce. Non capiscono l'importanza di avere una acconciatura all'ultima moda alla prima del Campionato, non capiscono che se l'idromassaggio non era a temperatura giusta, poi si gioca male tutto il tempo!

Meno male che c'è la Fallaci che anche se è convinta che le partitte durino più di tre ore, la solita megalomania di chi vive in America, almeno è scesa in campo a difendere Totti e la sua sputacchia. Lei si che è un attaccante. Avesse qualche anno in meno, il Trap la metterebbe sicuramertte in campo. E gli avvversari scapperebbero, eccome se scapperebbero.




permalink | inviato da il 22/6/2004 alle 10:52 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa
17 giugno 2004

Porca zozza!

Stoccolma. Ha speso 3 milioni di euro in zozze!!! Caspita, non pensavo fossero così care!




permalink | inviato da il 17/6/2004 alle 0:56 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
17 giugno 2004

Ma guarda un po'...(e due...)

Dopo la bufala delle armi di distruzione di massa, mai trovate, ecco crollare anche la seconda grande motivazione che stava alla base della guerra.

Nessuna prova evidente di legami fra Al Qaeda e l'Iraq




permalink | inviato da il 17/6/2004 alle 0:29 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
14 giugno 2004

Analisi sul voto

A 65.669 sezioni scrutinate su 65.878, è possibile fare un’analisi del voto.
Tra i due poli non ha stravinto nessuno. Vi è un sostanziale pareggio che vede il centro-sinistra al 46,1% ed il centro-destra al 45,4%. La coalizione guidata da Berlusconi perde oltre 4 punti percentuali rispetto le scorse politiche.

Se non ci sono vincitori, c’è sicuramente uno sconfitto ed è Berlusconi. Il suo partito perde circa il 9% rispetto le votazioni precedenti; punti che vanno a ridistribuirsi sui suoi alleati. Quindi la coalizione di governo bene o male tiene, ma la sfiducia verso chi la guida è evidente.

Dall’altra parte, il centro-sinistra non è stato in grado di conquistare molti consensi dalla parte che tre anni fa votò Casa delle Libertà. Uniti nell’Ulivo è primo partito e si attesta al 31,1%. Un buon risultato, ma non esaltante; forse paga il fatto di essersi dichiarato partito riformista, e di non aver saputo dimostrare di esserlo. Il 6,1% di Rifondazione Comunista, il 2,5% dei Verdi, il 2,4% dei Comunisti Italiani, sono un buon risultato. Sicuramente deludente il 2,1% della Lista Di Pietro – Occhetto, che in questi giorni di campagna ha dimostrato di non avere molto da dare.

In conclusione, da queste votazioni emerge un sensibile ridimensionamento del peso politico di Forza Italia all’interno della maggioranza di governo; ed una maturità del centro-sinistra ancora non raggiunta, per  porsi come valida e solida alternativa di governo. E dopo questi tre anni disastrosi di governo Berlusconi, non è che ci volesse molto.




permalink | inviato da il 14/6/2004 alle 16:5 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
13 giugno 2004

Emilio Fede Show



Questo risultato elettorale, vale la pena anche solo per lo spettacolo che sta facendo Fede!

Ma Berlusconi che fine ha fatto?!
S
tarà mica facendo dichiarazioni davanti a qualche altro seggio?!




permalink | inviato da il 13/6/2004 alle 23:32 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa
13 giugno 2004

Digiamo!

La Russa, che mi auguro abbia qualcosa in più della quinta elementare, ha forti difficoltà nel pronunciare Exit Poll, e continua a dire EX POL! Mah!




permalink | inviato da il 13/6/2004 alle 23:6 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
13 giugno 2004

Bondi il cazzaro!

Berlusconi ha messo la sua faccia in questa campagna, pur sapendo che anche se candidato non andrebbe mai al Parlamento Europeo. E ora Bondi dice: "queste elezioni non hanno alcun significato politico". MA VA A CAGARE!

Dai, basta le risate sul Tg4, passate su Rai Uno!




permalink | inviato da il 13/6/2004 alle 23:1 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
sfoglia
luglio